Audizione in Prefettura Milano per garantire la certezza del voto degli elettori

Oggi 27 aprile 2018, la Presidente Graziella Vallelunga (Paola) ed il Segretario politico  Francesco Maurizio Mulino hanno avuto l’incontro con la Vice-Prefetto di Milano Dott.ssa Cirelli, alla quale hanno esposto tutte le criticità in fase di preparazione delle Liste elettorali “minori” Partiti e Liste civiche non presenti in Parlamento oppure nei Consigli comunali e Regionali della Lombardia.

Tema dell’incontro la Ns. Istanza  Richiesta tavolo concertazione – Prefettura Milano al Prefetto per ottenere il suo intervento per le necessarie garanzie del diritto degli elettori all’espressione di un voto certo, spesso adombrato da accadimenti di diversa natura. I Vertici di Rinnovamento per l’Italia Sostenitori della nazione hanno chiesto:

  1. l’intervento Prefettizio.
  2. Un Protocollo d’Intesa tra Prefettura/Partiti
  3. l’Istituzione di un tavolo di concertazione 

Un dialogo durato circa 30 minuti dal quale si sono evidenziate perplessità da ambo i lati, sia da parte della Prefettura nell’apprendere le Ns. posizioni, che da parte dei vertici del Partito nell’ascoltare le risposte del cortese Vice-Prefetto Cirelli.

La Presidente Vallelunga ed il Segretario Mulino hanno esposto al Vice-Prefetto le seguenti “problematiche”:

1) Tempi di indizione dei comizi elettorali.

2) Autentica firme dei sottoscrittori.

3) Mancata suggellazione delle Urne elettorali in moltissime sezioni di voto.

4) inadeguata compilazione dei verbali elettorali delle sezioni e disponibili per la visione al pubblico presso apposito ufficio elettorale comunale, conteggi schede elettorali anomali.

6) Santini presso seggi elettorali in fase di votazione.

6) schede elettorali rinvenute esternamente ai seggi.

ed una relazione molto sintetica stante nei seguenti punti:

1) TEMPI DI INDIZIONE COMIZI ELETTORALI:

La Costituzione Italiana conferisce a tutti gli elettori il diritto di presentare Liste elettorali alle elezioni di ogni livello territoriale, la legge ne stabilisce le modalità prevedendo 180 giorni per la raccolta firme dei sottoscrittori, questi tempi dovrebbero venire dimezzati in caso di elezioni anticipate del 50% così come dimezzato il numero delle firme dei sottoscrittori da raccogliere. Tali firme devono essere autenticate da soggetti individuati dalla legge. Tale normativa è spesso disattesa provocando barriere spesso insormontabili, per le Liste civiche ed i “Partiti minori”, che vedendo diminuire i tempi di indizione dei comizi elettorali ben al di sotto, dei tempi necessari alla preparazione della documentazione ai fini della presentazione della Lista elettorale. A ciò si aggiunge l’ulteriore barriera del reperimento di figure legalmente identificate disponibili ad autenticare la documentazione. Si auspica per l’eliminazione di queste barriere anti-democratiche l’elaborazione di un Protocollo d’Intesa tra la Spettabile Prefettura ed i Partiti politici conseguibile attraverso l’istituzione di un tavolo di concertazione.

2) VERBALI ELETTORALI

I verbali elettorali visibili post elezione agli elettori, sono Atti Pubblici che spesso vengono compilati senza tener conto della forma con la quale si compilano, alcuni conteggi dei dati sono spesso omessi e/o non corrispondenti. Si auspica che la Prefettura di Milano possa invitare l’Amministrazione comunale a formare adeguatamente e per tempo i Presidenti di seggio e gli scrutatori predisponendo corsi formativi/informativi obbligatori.

3) MATERIALE PROPAGANDISTICO NEI PRESSI DEI SEGGI

Si auspica che la Prefettura di Milano voglia sensibilizzare le Forze dell’Ordine che generalmente presenziano ai seggi elettorali ad effettuare controlli pre-stabiliti (almeno ogni ora) circa l’esistenza di detto materiale nei pressi delle sezioni e nel caso di provvedere autonomamente alla loro rimozione.

4) URNE ELETTORALI

Le Urne elettorali spesso non vengono suggellate come previsto dalla normativa. Si auspica che la Prefettura di Milano voglia sensibilizzare tutti i Presidenti di seggio a tale adempimento attraverso l’emanazione di apposito documento prefettizio.

La Dott.ssa Cirelli sembrava perplessa, e ci ha lasciato con l’amaro in bocca, dice il Segretario Mulino, “attaccandosi a più vie” di competenze Prefettizie, più che un fare in uno spirito collaborativo mi è parso una sorta di auto-difesa da responsabilità. Ora continua Mulino, mi attendo che il Prefetto di milano una volta ricevuta, legga con la dovuta attenzione la Ns. Istanza e che ci accordi la sua collaborazione nell’istituzione del tavolo di concertazione richiesto, nel percorso che porti alla stipula di un Protocollo d’Intesa tra i Partiti presenti in Lombardia e che si faccia carico di sollecitare i Comuni Lombardi e le Autorità che presenziano ai seggi elettorali nel prestare la massima attenzione alle problematiche da noi esposte. 

La Presidente Vallelunga dice. ho ascoltato attentamente le parole della Dott.ssa Cirelli, in particolari quelle che ci informavano circa il fatto che il Prefetto o chi per Lui in Prefettura, non vedono mai i verbali elettorali, provvederemo noi a fornirgli copia di alcuni verbali delle passate elezioni, quelle che hanno visto Beppe Sala (PD) eletto Sindaco di Milano ed alcuni Verbali delle elezioni Regionali e gli chiederemo parere nel merito. Adesso attendiamo risposte per la Ns. Istanza e appena avremo news Vi informeremo.

Rinnovamento per l’Italia Sostenitori della nazione

Ufficio stampa

Lascia un commento

RPI *

it Italiano
X