Privacy: nuove prescrizioni dall’Europa per “complicare la vita” a professionisti ed aziende.

Il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo sulla protezione dei dati entrato in vigore il 24 maggio 2016 dà 2 anni di tempo agli Stati per adeguare la propria legislazione alle regole europee che diventeranno effettive il 25 maggio 2018. In questo periodo professionisti ed imprese dovranno adattare i propri modelli organizzativi alle nuove prescrizioni per evitare di incorrere in un apparato sanzionatorio molto severo.

Professionisti ed aziende dovranno intervenire sui processi per adeguare i propri sistemi alle nuove misure previste dalla disciplina europea.

Il Regolamento europeo riempie di prescrizioni le agende dei titolari del trattamento e sono prescrizioni  diverse da quelle cui ci ha abituati il Codice della privacy (D.Lgs. n. 196/2003).

Stando alle differenze, salta agli occhi il fatto che

Read morePrivacy: nuove prescrizioni dall’Europa per “complicare la vita” a professionisti ed aziende.

Guardie Giurate: Mulino e Vallelunga scrivono alla Ministra Lorenzin tutelare le GPG – Morti bianche

A seguito anche della risposta ottenuta dall’Ausl Milano (http://rinnovamentoxlitalia.it/guardie-giurate-rinnovamento-chiede-spiegazioni-usl-milano-lavoro-notturno-delle-gpg ) la Presidente Graziella Vallelunga (Paola) ed il Segretario nazionale Francesco Maurizio Mulino di Rinnovamento per l’Italia RPI.TLC, tenuto conto anche  le dalle orecchie da mercante che fanno alcuni Istituti di vigilanza, con lo scopo di tutelare le Guardie Giurate (GPG) a noi aderenti abbiamo scritto e chiesto l’emissione di apposite circolari ministeriali alla Ministra della salute Lorenzin, ora attendiamo

Read moreGuardie Giurate: Mulino e Vallelunga scrivono alla Ministra Lorenzin tutelare le GPG – Morti bianche

Guardie Giurate: Rinnovamento chiede spiegazioni all’Ausl Milano su Lavoro notturno delle GPG – l’AUSL risponde.

 

Il giorno 11 febbraio 2017 noi Presidente Graziella Vallelunga  (Paola) e Francesco Maurizio Mulino Segretario nazionale di Rinnovamento per l’Italia RPI:TLC, avevamo scritto all’Ausl Milano al fine di ottenere risposte ad alcuni quesiti che riguardavano le Guardie Particolari Giurate (GPG) e la loro attività lavorativa, la risposta dell’Ausl Milano non si è fatta attendere e la pubblichiamo di seguito:

Read moreGuardie Giurate: Rinnovamento chiede spiegazioni all’Ausl Milano su Lavoro notturno delle GPG – l’AUSL risponde.

Si cambia? Noi Sostenitori della nazione Italia diciamo no! siamo in agitazione!

 

Si cambia? Noi Sostenitori della nazione Italia diciamo no! siamo in agitazione! 

Si cambia… da un territorio diviso in tanti Regni, Ducati ecc.. siamo passati con il sacrificio di molte vite ad una nazione unità, LA REPUBBLICA DEMOCRATICA ITALIANA, suddivisa in Regioni, Provincie e Comuni.

La classe politica decise con discutibili colpi di mano di annullare il potere politico delle Provincie in maniera da ottenere in un primo momento una Nazione formata da Comuni e Regioni, alcune Regioni ottennero lo Statuto speciale ed una Autonomia che in qualche modo le lega ancora allo Stato italiano, altre si stanno accingendo a chiedere l’autonomia come Veneto e Lombardia, non con un plebiscito del 70/80% degli abitanti le Regioni come sarebbe stato accettabile anche da noi sostenitori della nazione, ma con manovre politiche subdole, non

Read moreSi cambia? Noi Sostenitori della nazione Italia diciamo no! siamo in agitazione!

Referendum per le Autonomie: Maroni: Voto elettronico RPI scrive a Mattarella e chiede annullamento del Referendum in Lombardia

Comunicato:

Referendum per le Autonomie: Maroni: Voto elettronico RPI scrive a Mattarella e chiede annullamento del Referendum in Lombardia.

La Presidente Graziella Vallelunga (Paola) ed il Segretario politico nazionale Francesco Maurizio Mulino di RPI Rinnovamento per l’Italia (Sostenitori della nazione), hanno scritto oggi al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella chiedendo l’annullamento del Referendum per le Autonomie in Lombardia.

Le motivazioni:

La tematica dell’Autonomia delle Regioni a noi sta a cuore, pensiamo che lo Stato abbia concesso sin troppo alle Regioni in termini di autonomia, a scapito dell’Amministrazione Politica-economica centrale dello Stato, ma lasciando correre

Read moreReferendum per le Autonomie: Maroni: Voto elettronico RPI scrive a Mattarella e chiede annullamento del Referendum in Lombardia

Milano: Vallelunga e Mulino: Marco Granelli si alzi dalla poltrona e verifichi la raccolta rifiuti e la viabilità.

Milano: Vallelunga e Mulino: Marco Granelli si alzi dalla poltrona e verifichi la raccolta rifiuti e la viabilità.

Lettera aperta

all’Assessore di Milano alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli

Assessore Granelli, sospettiamo che Lei percorra di rado le strade di Milano e pertanto non riesce a rendersi conto delle varie problematiche del territorio, per tale motivo la informiamo che Milano è una città caotica e molto trafficata, molti sono i residenti che si spostano per esigenze varie da un punto a l’altro della città, tantissimi arrivano dai comuni limitrofi e da altri comuni italiani, poi ci sono coloro che arrivano da altri Stati in visita o per affari, ciò crea un traffico eccessivo in orari diciamo d’ufficio, in particolare ci riferiamo alla fascia oraria mattutina. Se Lei Assessore in questa fascia oraria dovesse decidere di alzarsi dalla poltrona del suo ufficio e farsi un giro per la città , noterebbe, come abbiamo fatto noi, che ogni mattina intorno alle ore 09,00/10.00 i camion della raccolta dei rifiuti urbani rallentano notevolmente il traffico facendo incazzare non poco i cittadini automobilisti oltre che chi per strada ci lavora come i tassisti (e clienti) ad esempio. Ora non parliamo dell’impatto d’immagine nel vedere i camion raccogliere i rifiuti o del male odore, e a tal proposito ci soffermiamo perché non si capisce il sistema in uso, passano due camion, uno raccoglie l’umido l’altro raccoglie tutto il resto, carta, plastica e misto, ma a Milano non facciamo la raccolta differenziata? quale è il senso della cosa? per quale motivo i cittadini devono avere l’onere di dividere i rifiuti se poi vengono raccolti tutti insieme? per quale motivo la raccolta fatta come dovrebbe essere fatta, non avviene in orario notturno? Assessore Granelli la notte le strade sono molto più libere ed i camion non intralciano nessuno, sono scarsamente visibili poiché di notte generalmente i cittadini dormono e così facendo Milano avrebbe un risveglio con le strade libere dai camion e dai rifiuti. Potreste cortesemente evitare di fare “una scarpa ed una ciabatta” come sta accadendo e gestire il servizio facendolo in maniera intelligente, i milanesi pagano per avere “due scarpe” e magari chissà in un futuro un servizio di gestione rifiuti e viabilità all’avanguardia.

In sintesi Assessore Marco Granelli Le chiediamo di:

  1. uscire dall’ufficio e verificare personalmente il rallentamento al traffico che producono i camion per la raccolta rifiuti.
  2. verificare il sistema di raccolta rifiuti, nello specifico se i camion fanno la raccolta rifiuti differenziata oppure no.
  3. attivare il sistema di raccolta rifiuti nel notturno in sostituzione a quello diurno.
  4. investire affinché il sistema di raccolta rifiuti sia affiancato da un servizio di pulizia veloce da svolgersi contestualmente alla raccolta rifiuti (mandate di notte i camion a raccogliere i rifiuti seguiti da chi pulisce l’area dopo che i rifiuti sono stati raccolti).

Se poi l’opposizione di centrodestra presente in Consiglio comunale, Lega nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia facessero il proprio lavoro all’insegna del benessere per la città e per i cittadini, invece che continuare ad annuire alle necessità del PD e del Sindaco Beppe Sala, i cittadini potrebbero anche pensare di ringraziare la classe politica comunale per il suo operato (utopia vero?).

Rinnovamento per l’Italia

La Presidente G. Vallelunga

Il Segretario nazionale F.M. Mulino

it Italiano
X