Guardie Giurate: Mulino e Vallelunga scrivono alla Ministra Lorenzin tutelare le GPG – Morti bianche

A seguito anche della risposta ottenuta dall’Ausl Milano (http://rinnovamentoxlitalia.it/guardie-giurate-rinnovamento-chiede-spiegazioni-usl-milano-lavoro-notturno-delle-gpg ) la Presidente Graziella Vallelunga (Paola) ed il Segretario nazionale Francesco Maurizio Mulino di Rinnovamento per l’Italia RPI.TLC, tenuto conto anche  le dalle orecchie da mercante che fanno alcuni Istituti di vigilanza, con lo scopo di tutelare le Guardie Giurate (GPG) a noi aderenti abbiamo scritto e chiesto l’emissione di apposite circolari ministeriali alla Ministra della salute Lorenzin, ora attendiamo

Read moreGuardie Giurate: Mulino e Vallelunga scrivono alla Ministra Lorenzin tutelare le GPG – Morti bianche

Guardie Giurate: Rinnovamento chiede spiegazioni all’Ausl Milano su Lavoro notturno delle GPG – l’AUSL risponde.

 

Il giorno 11 febbraio 2017 noi Presidente Graziella Vallelunga  (Paola) e Francesco Maurizio Mulino Segretario nazionale di Rinnovamento per l’Italia RPI:TLC, avevamo scritto all’Ausl Milano al fine di ottenere risposte ad alcuni quesiti che riguardavano le Guardie Particolari Giurate (GPG) e la loro attività lavorativa, la risposta dell’Ausl Milano non si è fatta attendere e la pubblichiamo di seguito:

Read moreGuardie Giurate: Rinnovamento chiede spiegazioni all’Ausl Milano su Lavoro notturno delle GPG – l’AUSL risponde.

MULINO – VALLELUNGA – GUARDIE GIURATE: ORA LA PREFETTURA DI MILANO PUNISCA L’IDV

I recenti accadimenti ancora una volta evidenziano che ci sono Istituti di Vigilanza (IDV) che fanno i furbi, a Milano accade che un IDV si è rivolto alla Prefettura a nostro avviso per castigare un nostro Dirigente sindacale “scomodo”, la sua colpa se così si può definire è di fare l’attività sindacale prestando attenzione agli interessi dei lavoratori, in questo caso suoi colleghi. l’Istituto di Vigilanza con sede a Cusano Milanino ha “pensato bene” di scrivere alla Prefettura paventando che il Dirigente sindacale RPI.TLC avrebbe fatto circa sei mesi di Malattia per la medesima patologia e la Prefettura conseguentemente ha emesso un Decreto di sospensione dei Titoli di Guardia Particolare Giurata (Gpg) rinviando il Dirigente sindacale a visita medica Psicoattitudinale al fine di stabilire se il medesimo è idoneo o meno al mantenimento dei Titoli da Gpg. Ora il ns Dirigente è in stato di sospensione dal lavoro non remunerato in attesa che venga revocata dalla Prefettura la sospensione dei suoi Titoli. Abbiamo consigliato al ns sindacalista di sottoporsi anche se a nostro avviso superfluo a visita medica da cui è risultato ovviamente idoneo al possesso dei Titoli e nel contempo evidenziato alla Prefettura la situazione attraverso un Esposto chiedendo che l’IDV sia posto sotto indagine e se (come noi crediamo!) ha rilasciato dichiarazioni non veritiere sia punito per le dichiarazioni mendaci rilasciate alla Prefettura secondo legge. Ora attendiamo che la Prefettura agisca è faccia capire che non pagano solo le Gpg ma anche gli IDV. Nel frattempo il ns Dirigente non può lavorare….. ma siamo certi che qualcuno pagherà i danni arrecati.
Il Segretario generale Francesco Maurizio Mulino
La Presidente Paola Graziella Vallelunga

MULINO – VALLELUNGA – GUARDIE GIURATE: ORA LA PREFETTURA DI MILANO PUNISCA L’IDV

I recenti accadimenti ancora una volta evidenziano che ci sono Istituti di Vigilanza (IDV) che fanno i furbi, a Milano accade che un IDV si è rivolto alla Prefettura a nostro avviso per castigare un nostro Dirigente sindacale “scomodo”, la sua colpa se così si può definire è di fare l’attività sindacale prestando attenzione agli interessi dei lavoratori, in questo caso suoi colleghi. l’Istituto di Vigilanza con sede a Cusano Milanino ha “pensato bene” di scrivere alla Prefettura paventando che il Dirigente sindacale RPI.TLC avrebbe fatto circa sei mesi di Malattia per la medesima patologia e la Prefettura conseguentemente ha emesso un Decreto di sospensione dei Titoli di Guardia Particolare Giurata (Gpg) rinviando il Dirigente sindacale a visita medica Psicoattitudinale al fine di stabilire se il medesimo è idoneo o meno al mantenimento dei Titoli da Gpg. Ora il ns Dirigente è in stato di sospensione dal lavoro non remunerato in attesa che venga revocata dalla Prefettura la sospensione dei suoi Titoli. Abbiamo consigliato al ns sindacalista di sottoporsi anche se a nostro avviso superfluo a visita medica da cui è risultato ovviamente idoneo al possesso dei Titoli e nel contempo evidenziato alla Prefettura la situazione attraverso un Esposto chiedendo che l’IDV sia posto sotto indagine e se (come noi crediamo!) ha rilasciato dichiarazioni non veritiere sia punito per le dichiarazioni mendaci rilasciate alla Prefettura secondo legge. Ora attendiamo che la Prefettura agisca è faccia capire che non pagano solo le Gpg ma anche gli IDV. Nel frattempo il ns Dirigente non può lavorare….. ma siamo certi che qualcuno pagherà i danni arrecati.
Il Segretario generale Francesco Maurizio Mulino
La Presidente Paola Graziella Vallelunga

PREFETTURA DI MILANO FISSA TAVOLO DI CONCILIAZIONE – SOSPESO SCIOPERO DEL 6 DICEMBRE RPI.TLC VS IDV AL SECURITY

Con una nota indirizzata al Segretario Generale Confederale Francesco Maurizio Mulino RPI.TLC la Prefettura di Milano comunica di aver fissato il Tavolo obbligatorio di Conciliazione tra RPI.TLC FederGPG e Istituto di Vigilanza Privata (IDV) Al Security. L’Organizzazione sindacale autonoma ha deciso di sospendere lo sciopero ipotizzando che possa essere riproposto in base alle risultanze a seguito dell’incontro in Prefettura, indicativamente la data potrebbe essere stabilita nell’arco temporale che va dal 23 dicembre al 01 gennaio 2016, insomma proprio a cavallo di Natale o Capodanno.
La Presidente Paola Graziella Vallelunga di Rinnovamento per l’Italia si dice fiduciosa sapremo Tutelare i lavoratori e portare a casa un risultato positivo, mentre il Segretario nazionali di FederGPG federazione Guardie Giurate Particolari aderente alla Confederazione sindacale autonoma RPI.TLC avverte, non ci fermiamo, se saremo obbligati ne parleremo con il Ministero dell’Interno. L’Avvocato Davide Mega convenzionato con il Sindacato è pronto a trascinare in Tribunale l’IDV Al Security. Rammentiamo che le richieste del Sindacato sono di ben 15 punti di grande importanza per gli oltre 100 lavoratori dell’azienda di Cusano Milanino

PROCLAMATO DA RPI.TLC FEDERGPG LO SCIOPERO CONTRO L’ISTITUTO DI VIGILANZA AL SECURITY

Confermato lo sciopero
l’Organismo Confederazione sindacale autonoma RPI.TLC di Rinnovamento per l’Italia e la Federazione Guardie Particolari Giurate (www.guardiearmate.it) FederGPG continuano la loro attività sindacale nei confronti dell’ IDV Al Security di Cusano Milanino . Avevano scritto alla Prefettura di Milano chiedendo l’istituzione di un Tavolo di mediazione con la società, ma la risposta della Al Security inasprì ulteriormente i rapporti sindacali, tanto che il Segretario Confederale RPI.TLC Francesco Maurizio Mulino disse: Resto basito dal leggere ciò che sono stati capaci di scrivere… una lettera che ha il sapore della via di fuga dalle proprie responsabilità verso i lavoratori, più vie accampate per evitare l’incontro in Prefettura, ma la questione non si risolve così con due semplici righe di diniego, noi andremo avanti! Mantenendo ferme le promesse il Segretario Mulino ha proclamato lo stato di agitazione, lo sciopero è fissato per il giorno 06 dicembre 2016 nelle immediate vicinanze della sede dell’azienda dalle ore 14,00 alle ore 17,00. Mulino non perde tempo dicendo non si illudano questo è solo l’inizio ora  o accettano di incontrarci in Prefettura oppure ci obbligano a prolungare la lotta sindacale.
La Presidente Vallelunga ribadisce che il dialogo è l’unico strumento che può appianare le divergenze, se questo continua ad esserci negato, parleranno le nostra azioni sindacali, i Magistrati e le istituzioni, anche nazionali se sarà il caso.
Il Segretario FederGPG Leuzzi non si risparmia, Rinnovamento per l’Italia è uno “spirito libero”, non assoggettabile, non soggiogabile e libero da qualsivoglia “obbligo”… non mollerà fino a che non sarà chiarita la situazione ed appianate mediante documento scritto le divergenze sindacali.

IDV AL SECURITY – MULINO E VALLELUNGA CHIEDONO TAVOLO DI MEDIAZIONE ALLA PREFETTURA DI MILANO.

Inviata La richiesta alla Prefettura di Milano per l’istituzione di un Tavolo di Mediazione con l’ Istituto di Vigilanza AL SECURITY S.r.l. .
Saranno presenti all’incontro in Prefettura:
Per la Confederazione RPI.TLC – FederGPG
La Presidente Paola Graziella Vallelunga, il Segretario Generale Confederale Francesco Maurizio Mulino, il Segretario nazionale FederGPG Massimo Leuzzi, il Segretario provinciale Gerardo Taccone e l’Avvocato Davide Mega
Per l’azienda:
In attesa di riscontro.
Temi da discutere sono molti tra cui l’adempimento dell’invio dei Turni di lavoro alle dipendenze con largo anticipo come prevede il CCNL di categoria, il rispetto dell’art. 63 necessità corporali delle dipendenze, Stipendi tempistiche di erogazione non condivise e molte altre… .
Il Segretario generale Francesco Maurizio Mulino: basta, abbiamo concesso la possibilità di dialogo all’IDV, ma si è dimostrato sordo, ora discutiamo seriamente e se ciò non sarà possibile andremo ben oltre il discutere.

COMUNICATO STAMPA RINNOVAMENTO PER L’ITALIA R.P.I. T.L.C.

In data 29/02/2016 nella testata giornalistica AOSTA CRONACA si evidenzia un articolo dove le sigle Sindacali, FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL, UIL TUCS, UIL SAVT ED RSU AZIENDALI parteciperanno ad un tavolo di incontro con la società ALLSYSTEM S.P.A. Filiale di Aosta, e ci chiediamo se a seguito della ns missiva inviata alle altre Sigle Sindacali dal Segretario Regionale Rinnovamento Per l’Italia RPI.TLC Corvo Massimo in cui chiediamo la ns partecipazione alla riunione che vede una buona parte di lavoratori ALLSYSTEM S.p.a., aderenti alla nostra O.S. , più del 5% previsto dalla Legge, un numero ben superiore per rappresentatività in Azienda di quello di alcune Sigle sindacali che saranno probabilmente presenti all’incontro.

Ora auspicando che questa riunione si svolga per volontà di quelle sigle Sindacali organizzatrici  e partecipanti all’evento (noi ad oggi non siamo stati contattati), e ritenendo opportuno che tali Sigle Sindacali non intendano ostacolare la nostra O.S., accettando il confronto senza proibizioni discriminanti, che in questo momento “caldo” avrebbero un sapore amaro, ricordiamo che la Ns Confederazione ha recentemente presentato un esposto al Questore chiedendo la sospensione della licenza concessa alla società, ampiamente motivata con condanne della medesime emesse dalla Magistratura, proprio su uno dei punti di cui probabilmente si discuterà all’incontro, cioè la capacità dell’azienda di rispettare il CCNL di categoria. La ns richiesta è effettuata per discutere in modo del tutto consono e civile le eventuali problematiche o scelte che si andranno ad affrontare per la tutela dei lavoratori tra cui i nostri aderenti, scelte che potrebbero rilevarsi utili al fine della continuità lavorativa e del rispetto delle regole, carenze che ns malgrado, da tempo denunciamo sia alla Società che agli Organi preposti.

L’auspicio è che dalle altre sigle sindacali ci arrivi un segnale di rispetto, distensivo ed all’insegna del dialogo. In caso contrario, tentando di imbavagliarci evitando la ns presenza all’incontro equivarrebbe all’innescare una aspra battaglia tra sindacati che nulla gioverebbe alla categoria che noi tuteliamo ma a cui certamente se obbligati dagli eventi non ci sottrarremo. Siamo positivi ed attendiamo che valori quali tutela lavoro e sicurezza ci vedano partecipi alla contrattazione integrativa di 2° livello senza bavagli o impedimenti particolarmente in questo momento in cui già l’incontro di per se tra sindacati e azienda lascia dubbi, inoltre ci chiediamo chi si è fatto promotore dell’incontro nel concreto?

Rinnovamento per l’Italia

Confederazione autonoma Sindacale

RPI.TLC

Il Segretario generale Confederale

Francesco Maurizio Mulino

Ufficio stampa Agenflash

it Italiano
X